Introduzione ai sistemi di monitoraggio e indicatori di performance - webinar SUPSI

I sistemi di monitoraggio delle prestazioni e le misure di performance sono un elemento chiave per il miglioramento e la crescita delle organizzazioni, come diceva Peter Drucker ""If you cannot measure it, it cannot be managed".
Venerdì 15 febbraio, ho tenuto per SUPSI (Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana) il webinar dal titolo "Introduzione ai sistemi di monitoraggio e indicatori di performance", dove, attraverso 10 affermazioni chiave, ho fatto un quadro delle caratteristiche che devono avere i sistemi di misura delle performance e i KPI ad esso collegati.

A questo link, potrete vedere il video del webinar su Youtube, mentre dal mio profilo di Slideshare, potrete scaricare le slide presentate.

Vi ricordo che nei giorni 12, 14 e 20 marzo, presso il Dipartimento Tecnologie Innovative di SUPSI, si terra il corso "Sistemi di monitoraggio e indicatori di performance", dove approfondiremo i modelli, le tecniche e gli strumenti utilizzati ed applicabili.
Per informazioni e iscrizioni, collegatevi alla pagina del catalogo della formazione continua SUPSI.

Buona visione e buona lettura!

Il ruolo dei processi nel GDPR: come affrontare senza creare sovrastrutture - webinar SUPSI

Con l'entrata in vigore, lo scorso 25 maggio, del Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, n. 2016/679, meglio noto come GDPR, le imprese che trattano dati personali appartenenti cittadini Ue sono chiamate ad allinearsi con una normativa che introduce alcuni principi innovativi per la gestione della privacy.


In pratica, la privacy non deve più essere vista come un insieme di documenti e non va pensata o gestita solo come un adempimento burocratico, deve essere garantita da un sistema di gestione che ne copra ogni aspetto operativo e strategico.
Non importa che siate una piccola o una grande impresa, il GDPR ha comunque un impatto significativo sulla vostra organizzazione e sul trattamento dei dati personali che effettuate.

Ne abbiamo parlato lo scorso 9 gennaio, nel corso del webinar SUPSI "Il ruolo dei processi nel GDPR: come affrontare senza creare sovrastrutture il nuovo regolamento europeo", dova abbiamo affrontato il tema con un approccio pratico, focalizzato su un approccio per processi orientato alla creazione di un sistema di gestione, mutuato dai modelli ISO (qualità, ambiente, sicurezza informatica).

Le slide del webinar sono scaricabili da qui SLIDE WEBINAR, mentre il video è visionabile su YouTube, da questo link VIDEO WEBINAR

Se avete dei dubbi su cosa possiamo fare per voi, chiamatemi, sarò a vostra completa disposizione.











PRESTO 4 GDPR

La conformità al regolamento generale sulla protezione dei dati n. 2016/679, meglio noto come GDPR passa dall'implementazione di un Sistema di Gestione Privacy (SGP), attraverso il quale è possibile gestire, implementare e monitorare i principali elementi cogenti del GDPR, quali

  • Risk Analysis
  • Process Map (dove sono utilizzati i dati personali)
  • ICT map system (quali sistemi ICT sono presenti in azienda e dove sono utilizzati i dati personali)
  • Ruoli e responsabilità
  • Action Plan
  • ....
Un breve video, presenta le caratteristiche di PRESTO utili nell'implementare e gestire Sistemi di Gestione Privacy (da questo link potrete vedere il video su Youtube






Vi ricordo il WEBINAR SUPSI - "Il ruolo dei processi nel GDPR", che trasmetterò 9 gennaio 2019, per informazioni e iscrizioni, cliccate qui.


General Data Protection Regulation - che cos'è?

A chi interessa implementare un sistema GDPR?

A TUTTE LE AZIENDE CHE TRATTANO DATI DI PERSONE FISICHE RESIDENTI NELL'UNIONE EUROPEA

Con l'entrata in vigore, lo scorso 25 maggio, Il regolamento generale sulla protezione dei dati, ufficialmente regolamento n. 2016/679 e meglio noto con la sigla GDPR, le imprese sono chiamate ad allinearsi con una normativa molto stringente.
Per le aziende è una grande opportunità per rivedere e riorganizzare il proprio sistema di gestione delle informazioni e dei sistemi organizzativi che le gestiscono.

Non solo check list e informative, ma capacità di raggiungere gli obiettivi e di documentare ciò che è stato fatto per garantire flussi dati e processi di gestione delle informazioni sicuri

Applicare il GDPR (General Data Protection Regulation) significa far entrare nell’operatività quotidiana anche la gestione del dato personale.
Quindi non si dovrebbe vedere l’applicazione del Regolamento Europeo come un qualcosa di burocratico, di carta da fare e poi da lasciare a prendere polvere in un faldone, ma come un sistema gestionale  vero e proprio.

La privacy non deve più essere vista come un insieme di documenti e non va pensata o gestita solo come un adempimento burocratico.
Ma deve essere l'occasione per aumentare l'efficienza e l'efficacia, con la sicurezza in prima linea, dei flussi informativi di dati

La chiave per la conformità alla GDPR è:

  • Un'efficace Risk Assessment, per dimostrare che l’approccio basato sul rischio che si adotta è adeguato al tipo di organizzazione ed è allineato ai requisiti GDPR.
  • Il concetto "privacy by design", pone l'attenzione sull'esigenza che la protezione dei dati personali venga garantita "fin dalla progettazione" dei sistemi di trattamento.
  • Il concetto di "privacy by default" (protezione per impostazione predefinita) si afferma la necessità che la protezione dei dati personali sia garantita "per impostazione predefinita". Questo principio prevede che per impostazione predefinita le imprese devono trattare solo i dati personali nella misura necessaria e sufficiente per le finalità previste e per il periodo strettamente necessario a tali fini. 

L'introduzione di tali due principi obbliga le imprese a predisporre una valutazione di impatto privacy ogni volta che avviano un progetto che prevede un trattamento di dati e ad adottare dei comportamenti proattivi in grado di garantire il rispetto del Regolamento in tutte le fasi del trattamento dei dati personali.

Dati, processi, persone, tecnologie sono le componenti di un nuovo approccio, innovativo, ma soprattutto efficace ed efficiente al GDPR

SUPSI - CAS Business Process Management

Le organizzazioni esistono e prosperano se producono valore. La produzione del valore è il risultato di molte diverse catene di attività che possiamo definire come Business Process.
Nessuna organizzazione può fare a meno dei Business Process, anche se non sempre vengono così definiti. La capacità di collegare il valore alle singole attività e di orchestrarle al meglio attraverso le persone che compongono l’organizzazione, gli strumenti di supporto e l’infrastruttura aziendale è la chiave per ottenere dei risultati di valore.
Il ciclo del valore del Business Process Management, con le metodologie e gli strumenti operativi ad esso collegati, è una leva indispensabile per la sopravvivenza dell’impresa, per il suo sviluppo e per l’innovazione.
A questo si aggiungono le opportunità e le sfide delle nuove tecnologie e dei nuovi comportamenti sociali, che attraverso la virtualizzazione/remotizzazione delle attività, la multicanalità dei processi commerciali e la trasformazione digitale di mercati e sistemi produttivi, rilanciano la sfida dell’ingegnerizzazione del business attraverso processi allineati, flessibili, automatizzati al punto giusto e facilmente riconfigurabili in funzione dell’innovazione.

Il prossimo 8 maggio, il DTI della SUPSI avvierà il corso CAS (Certificate of Advanced Studies) dedicato alBusiness Process Management che mi vedrà impegnato, insieme all'amico e collega Alessandro Gianni, come docenti. Scarica QUI la brochure completa.



Per informazioni e iscrizioni LINK,

PRESTO Digital Transformation @ SUPSI 28 March 2018

Nel contesto dell'alleanza con TOPP - Tactial Intelligence, lo scorso 28 marzo, preso l'auditorium SUPSI (Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana) abbiamo presentato PRESTO ad un vasto pubblico di leader aziendali, docenti universitari e consulenti esperti, che hanno partecipato con grande entusiasmo e curiosità, con la speranza di conoscere le nuove tendenze della tecnologia disponibile per supportare il digitale trasformazione, miglioramento continuo e gestione del cambiamento.

Il CEO di TOPP - Tactial Intelligence, Andrew Lenti, ha presentato l'ultima funzionalità rilasciata di PRESTO, il modulo "Change Management (Project Management) che mira ad offrire ai project manager una nuova prospettiva sulla gestione digitale del cambiamento.

Clicca QUI per scaricare le slide dell'evento







Migliorare i risultati aziendali con la leva dei processi - 16 aprile 2018


Il 16 aprile ci sarò un'altro dei vari eventi che organizziamo alla SUPSI (Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana) a Manno (Lugano NORD)
.
Il formato è di 3 ore a fine pomeriggio, dalle 17 alle 20, per permettere di approfondire un pò senza gravare troppo sulla giornata lavorativa (se si parte da milano centro o nord in un'oretta e 10 si arriva, la SUPSI è proprio all'uscita dell'autostrada), se sei già in Ticino, va da se che ti è richiesto solo l'impegno a fine giornata.

Parleremo di come usare la leva del miglioramento dei processi per ottenere valore (attraverso il ciclo di vita del Business Process Management).



Nel video di due minuti e mezzo (che puoi vedere su youtube a questo link) trovi qualche dettaglio in più, da questo link potrai scaricare la locandina in pdf con il programma.

Uno sguardo al presente: le tecnologie che sostituiscono le persone

Segnalo questo interessante evento:

UNO SGUARDO AL PRESENTE: LE TECNOLOGIE CHE SOSTITUISCONO LE PERSONE

che si terrà a Lugano, presso l'Hotel Villa Sassa, martedì 24 aprile alle 18.00

Per info e iscrizioni, clicca QUI




Le 7 fasi del "Hoshin Kanri Planning"

Immagine tratta dal sito www.asqled.org
Il processo che si utilizza per sviluppare il un piano strategico è importante quanto il piano stesso. Ecco perché molte organizzazioni si rivolgono all'approccio Hoshin Kanri, che si concentra sulla creazione di un piano che tenga conto sia della gestione quotidiana dell'organizzazione che degli approcci necessari per raggiungere gli obiettivi a maggior impatto sulla strategia.
Il risultato è un insieme di piani d'azione specifici e risorse necessarie per raggiungere il successo dell'azienda.
Sebbene alcune organizzazioni modifichino l'approccio per soddisfare le loro esigenze specifiche, il più delle volte il processo di pianificazione di Hoshin Kanri consiste nei seguenti sette passaggi.

Continuous improvement: Challenging the Status Quo – Andrew Lenti

Sul sito "The consultant hub" è stata pubblicata l'intervista ad Andrew Lenti, CEO e Co-founder di TOPP - Tactial Intelligence dal titolo: "Continuous improvement: Challenging the Status Quo".

Per leggere l'intervista CLICCA QUI

Printfriendly